South-East Asia IPR SME Helpdesk

Studi di caso

Fate clic sugli argomenti a destra per scoprire quali sono le azioni suggerite e quelle da evitare in merito alla proprietà intellettuale in ambito ASEAN, guardando alle esperienze di altre piccole e medie imprese europee. Se desiderate condividere con noi un caso di proprietà intellettuale, scrivete a question@asean-iprhelpdesk.eu

 

Coming soon...

South-East Asia IPR SME Helpdesk Case Studies 2015-2018

Case study 31 - Patent Prosecution Strategy for manufacturing in Vietnam

Background:

An Austrian SME operating in the sport industry, developed a new patentable technology to manufacture sports equipment and was also seeking for a Vietnamese manufacturer. The company was new to IP knowledge and patent application procedure, and therefore needed to understand the best patent application route to protect their product tailored to their needs to internationalise their operations. To pursue it goals, the company also needed to quickly draw and implement a business strategy to protect its idea and to produce in Asia without incurring in major IP risks. Their plan included manufacturing in Vietnam and sell in Europe and other Asian markets and potentially worldwide,

Case study 33 - IP infringement by using confusingly similar marks in Vietnam

Background: 

A Dutch company used its trade mark ‘XXXX-LON’  registered in Vietnam for a wide range of products and services and it entered into a licensing contract with its subsidiary in Vietnam (the Subsidiary), whereby the Subsidiary is authorized to use the trade mark ‘XXXX-LON’ for steel frames and other steel products under Class 06.

The Subsidiary discovered that many companies in Vietnam have been trading and marketing some construction materials similar to their products and called them ‘XXXX-LINE’, which sounded very similar to its trade mark ‘XXXX-LON’.

After investigating, the Subsidiary found out that it was one of its previous Vietnamese sub-contractors (the Vietnamese Company) to have filed an application for registration of the trade mark ‘XXXX-LINE’ for services under Class 35: "Trading in metal sheets" and Class 42 "Processing metal sheets", and marketed their products, including aluminum sheets, steel sheets, steel ceilings, aluminum ceilings and steel frames, as ‘XXXX-LINE’.

Case study 34 - Customs seizures of goods suspected of IPR infringement in Vietnam

Background:

A German company, owner of a trade mark (“XXX”) protected in Vietnam since 1995 for uninterruptible power supplies, suspected that a consignment infringing its trade mark was being shipped to Hai Phong Port in Vietnam. The shipment contained a large amount of uninterruptible power supplies bearing the sign "XXX-UPS’’, imported by a local company (the Vietnamese Company).

Case Study 35 - Design registration in Automotive industry in Singapore

Background:

Mobix Auto (“Mobix”) is a European company specialised in manufacturing parts and accessories for automotive manufacturers. Having achieved considerable market share in its home market and some other European countries, Mobix plans to introduce its products to the South-East Asian market, after learning of the growing demand for vehicles and vehicle components in this region.

Before entering the region, Mobix attends an automotive trade show organised in Singapore to survey the potential markets in the region, and to establish contacts with potential local partners. At the trade show, Mobix comes into contact with Metro Singapore (“Metro”), a distributor of parts and accessories in Singapore and the region.

Case Study 47 - Arguments against descriptiveness rejection of trade mark filling in Cambodia

Background:

A French pharmaceutical company tried to file two trade marks with the Department of Intellectual Property Rights ("DIPR") for goods including cosmetics, soaps, shampoos and perfumes. The company had already successfully registered these two trade marks in more than 15 jurisdictions. The DIPR issued a Notice of Preliminary Rejection of Mark Registration, on the basis that both trade marks were descriptive, therefore asking the applicant to provide supporting arguments and evidence to show that the marks were distinctive.

Case Study 46 - Seizure of counterfeit goods in Laos

Background:

A manufacturer of engines for agricultural activities had its trade mark duly registered in Laos. Lately, then found out that counterfeit products bearing its registered trade mark were being commercialized in several local retail stores. The issue was only discovered when the company received complaints about the product quality from buyers who mistakenly bought the counterfeit products which they thought were originals. This affected the company’s business and brand reputation.

Case Study 45 - Non-use of registered trade mark in Thailand: using a survey to determine non-use

Background:

Liwayway Marketing Corporation ("Liwayway") is the owner of a trade mark that was registered with the Thai Registrar of Trade Mark in various classes. However, its trade mark was possibly being expunged due to the request of Oishi Group Public Company Limited ("Oishi"), a Thai exporter of products such as aerated water, fruit juices, ready-to-drink green tea and carbonated drinks. Among others, the grounds put forward by Oishi was that there had been non-use of the mark for a period of at least 3 years up to 1 month before the expungement action ("Statutory Period").

Case Study 44 - Appealing against a descriptiveness refusal in trade mark filling in Thailand

Background:

“Company A” in Thailand submitted a trade mark application to the Thai Department of Intellectual Property (DIP) to register the mark “TMB Make THE Difference” for banking services in Class 36. After examining the application, the DIP accepted to protect the mark, but with the phrase "Make THE Difference" disclaimed for being descriptive. The company was reluctant to disclaim their right over the phrase "Make THE Difference" as they considered it an important slogan in the company’s branding strategy.

Case Study 42 - Copyright enforcement actions against illegal downloading in Singapore

Background:

Two Hollywood studios, “Voltage Pictures” and “QOTD Film Investment”, are the right owners of the two movies “Father & Daughters” and “Queen of the Desert”. They have been subject to serious copyright infringement carried out by illegal downloaders in Singapore for quite some time.

ASEAN IPR SME Helpdesk Case Studies 2013-2015

Caso di studio 21 - Marchio

Contesto

Un produttore europeo di componenti elettronici con un marchio di personal computer (BHT) riconosciuto a livello internazionale è interessato ad avviare un'attività nel Sud-est asiatico. Dopo aver condotto alcune ricerche iniziali in uno dei mercati ASEAN, the impresa è venuta a sapere che per quoi marchio esisteva già una precedente registrazione in quel mercato, poiché un'impresa locale ne aveva fatto richiesta 5 anni addietro. The local registrazione riguardava gli impianti stereo e elettroniche radio. A local consular officer informs the European office in the registrazione del marchio da parte dell'impresa locale avrebbe di fatto bloccato qualsiasi domanda avanzata dall'impresa europea.

Caso di studio 20 - Marchio

Contesto

Una catena europea di boutique di moda emergente è stata contattata da un'impresa locale per aprire un punto vendita in un paese ASEAN. L'impresa locale ha chiesto alla catena di boutique europea di stipulare un contratto di distribuzione esclusiva quinquennale.

La licenza è stata accordata in via esclusiva per l'utilizzo del marchio amyclickrecante il logo della boutique europea. Inoltre, il punto vendita locale si è impegnato a vendere esclusivamente i capi a marchio amyclick forniti solo dal partner europeo. Il punto vendita locale ha convenuto che nessun altro marchio sarebbe stato commercializzato all'interno del negozio.

Caso di studio 19 - Marchio

Contesto

Una piccola impresa britannica produce una linea di abbigliamento molto fortunata sotto la denominazione SHO.

L'azienda distribuisce i propri prodotti a livello locale in ambito ASEAN tramite un intermediario. L'intermediario ha segnalato al partner britannico di essere venuto a sapere che sul mercato locale erano stati introdotti capi di abbigliamento a basso costo con il marchio SHO contraffatto. La società britannica si è rivolta a un investigatore per cercare di fare luce sui fatti realmente accaduti.

Caso di studio 18 - Design / Diritti d'autore

Contesto

Una piccola filiale di un produttore di gioielli francese con attività in Indonesia distribuisce una linea di successo di anelli, braccialetti e orecchini disegnati in Francia. Ogni 6 mesi sono disponibili sul mercato nuove collezioni. Dal momento che i tempi di attesa per la registrazione di un design industriale sono relativamente lunghi (da 24 a 36 mesi circa) e che i costi di registrazione sono elevati, la società ha deciso di non richiedere la tutela del design per le sue collezioni commercializzate in Indonesia.

Caso di studio 17 - Tutela della proprietà intellettuale online

Contesto

Un produttore svedese di giochi in Internet è leader di mercato nello sviluppo e promozione di giochi online per adolescenti diffusi sui social network. La società ha milioni di utenti Internet adolescenti in tutto il mondo, tra cui anche nel Sud-est asiatico.

Nel 2010 la società ha registrato i nomi dei suoi giochi più popolari sotto i domini .cn (Cina), .kr (Corea) e .jp (Giappone), considerati i principali mercati asiatici di riferimento per i giochi da questa prodotti. La società ha tuttavia omesso di registrare le proprie denominazioni nei domini di primo livello geografico (ccTLD) del Vietnam (.vn e .com.vn), Singapore (.sg e com.sg) e Laos (.la).

Caso di studio 16 - Controversia su un brevetto nel Sud-est asiatico

Contesto
Un produttore farmaceutico britannico è leader di mercato nella produzione di un farmaco antitumorale, esportato da 20 anni in tutti i principali paesi sviluppati e, più di recente, nei paesi in via di sviluppo, in modo particolare nel Sud-est asiatico.

Il principio attivo contenuto nel farmaco è tutelato da brevetto, e il brevetto originale è scaduto 3 anni fa. Un nuovo, migliorato processo di produzione del farmaco è stato brevettato 10 anni fa, e questo brevetto è ancora attualmente in vigore i molti paesi, tra cui Singapore, Malesia e Indonesia.

Caso di studio 14 - Pratiche relative ai marchi in Tailandia

Contesto
Una ditta di abbigliamento spagnola ha avviato alcuni negozi di abbigliamento di marca in Indonesia, pianificando di aprire una nuova filiale nel sud della Tailandia. Il titolare della ditta era a conoscenza del valore del marchio e lo aveva già registrato in Indonesia in relazione ai propri prodotti nella Classe 25 internazionale per le categorie "abbigliamento", "copricapo" e "calzature".

Data la precedente esperienza di registrazione del proprio marchio in Indonesia, il titolare sapeva che il processo di registrazione può durare fino a due anni. Pertanto, già mentre pensava di aprire una nuova filiale in Tailandia, aveva depositato una domanda di marchio in questo paese. La designazione dei prodotti per questa nuova domanda era la stessa di quella dei prodotti già registrati in Indonesia (ossia, "abbigliamento", "copricapo" e "calzature"). Tuttavia, la domanda di marchio in Tailandia è stata respinta dall'organismo addetto alla registrazione con la motivazione che la descrizione delle merci era troppo ampia secondo la prassi tailandese di registrazione del marchio.

Caso di studio 13 - Uso abusivo del marchio in Indonesia

Contesto
Un'importante ditta di abbigliamento italiana è impegnata nella vendita al dettaglio di vestiario e abbigliamento. Le operazioni della ditta italiana sono di ampia portata e la stessa vanta numerosi punti vendita in tutto il territorio ASEAN. La ditta italiana possiede numerosi marchi registrati a tutela dei propri marchi, tra cui il marchio 'AAA' registrato in molti paesi a livello internazionale. L'Indonesia è tra questi paesi, qui il marchio è registrato nella categoria delle merci e servizi per le Classi 18, 25 e 35.

La registrazione del marchio in Indonesia per la Classe 25 è avvenuta nel 2008. Data la correttezza della registrazione, la ditta italiana era certa che non sarebbe stato possibile registrare marchi identici o ingannevolmente simili nelle stesse categorie di merci e/o servizi.

Case Study 12 – Unjust Appropriation of Famous Trade Mark by Local Firm in the Philippines

Background

A famous French culinary school tried to register its 1895 trade mark LE CORDON BLEU in the Philippines but it was opposed by a local entity which was owned by one of the graduates of the same school. The graduate started using the same mark in the Philippines long before the French school tried to register but never applied for trade mark registration. The local entity argued that it was the first to use the mark in the Philippines, thus it should be entitled to register the mark ahead of the French school. Subsequent to filing the opposition, the local entity filed its own trade mark application covering the same mark.