South-East Asia IPR SME Helpdesk

Partner commerciali

La regione ASEAN, che include paesi quali il Brunei, la Cambogia, l'Indonesia, il Laos, la Malesia, la Birmania, le Filippine, Singapore, la Tailandia e il Vietnam, è una destinazione commerciale sempre più appetibile per le aziende europee che svolgono attività in Asia. Queste imprese, in modo particolare quelle di piccole dimensioni, considerano i partenariati con i suddetti paesi fondamentali per la prosperità delle proprie attività nel Sud-est asiatico. In queste aree, infatti, non esistendo quadri di regolamentazione a livello regionale, le aziende concentrano i propri sforzi nella ricerca dei giusti partner all'interno dei mercati di riferimento.

Di seguito un elenco di questioni che mettono a repentaglio la proprietà intellettuale.

Contratti in area ASEAN

Nella fase di ricerca dei fornitori, si deve tenere presente in quale modo si desidera far funzionare il rapporto e quali meccanismi di controllo devono essere messi in atto per assicurare i diritti dei vostri diritti. Questi aspetti dovranno essere precisati in modo chiaro con un accordo scritto, il quale potrà fungere da base per i futuri contratti. È assolutamente sconsigliabile intraprendere relazioni commerciale nel Sud Est Asiatico senza avere preventivamente stipulato un contratto. È poi importante tenere sempre presente che, a differenza di quanto accade in Europa, nel Sud Est Asiatico un contratto non è visto come vincolo legale, ma piuttosto come una "linea guida per la cooperazione". La stipula di un contratto non è da affrontare in maniera frettolosa, dovrebbe piuttosto essere un procedimento in cui il contratto funge più da manuale di funzionamento per il rapporto.

Come PMI dovreste in primo luogo accertarvi che il vostro potenziale partner commerciale sia realmente chi afferma di essere. Questo può essere fatto in svariati modi, il primo passo da fare è verificare se la società è legalmente costituita e se sta operando con una ragione sociale effettivamente registrata. Il leader dell'Helpdesk, Simon Cheetham, di ERINYES INTERNATIONAL, una società che svolge regolarmente indagini investigative su imprese, afferma:

"Spesso ci rendiamo conto che, svolgendo una semplice investigazione preventiva su un potenziale fornitore prima di iniziare le negoziazioni, possiamo evitare alle PMI una grande quantità di problemi e spese. In questo modo possiamo accertare che la società con la quale la PMI sta per stringere un contratto di fornitura, sia anche la stessa che potrà essere ritenuta responsabile nel caso qualcosa non dovesse andare nel verso giusto. È utile sapere con chi si ha a che fare."

È bene che voi o un vostro consulente designato a livello locale si dedichi alla conduzione di un'analisi di due diligence del partner potenziale, come ad es. richiedere la copia conforme dell'atto costitutivo della società, in modo da stabilire se vi sono campanelli di allarme che richiedono ulteriori verifiche o indagini.

Nel contratto, è consigliabile precisare in modo chiaro di quali diritti di proprietà intellettuale si è titolari sui beni che sono oggetto della fornitura, e specificare chiaramente che eventuali know-how, scoperte, invenzioni (brevettabile o no), design, disegno, programma per computer, fotografia, progetto o documentazione, collegati allo sviluppo di prototipi e alla conseguente versione finale dei prodotti o a qualsiasi futuro sviluppo degli stessi, che saranno stati fabbricati, creati, sviluppati o acquistati dal fornitore (congiuntamente ad ogni diritto di proprietà intellettuale e ad ogni diritto futuro relativo a quest'ambito) saranno tassativamente di proprietà della PMI.

Prevenzione della divulgazione d'informazioni riservate

Quando si trasferisce del materiale ad un'altra società, o ad un individuo, in un ambito commerciale, è importante stipulare accordi di riservatezza, non concorrenza e non divulgazione, così da minimizzare il rischio che la società o l'individuo in questione, divulghino le suddette informazioni a terze parti oppure le utilizzino per concorrenza sleale alla vostra azienda.

I contratti di lavoro in ASEAN

I contratti di lavoro dovrebbero essere redatti da consulenti legali locali appositamente designati a tale scopo. Per ulteriori informazioni su come trovare il giusto professionista nei paesi ASEAN, consultare la guida dell'Helpdesk "Come trovare il legale giusto" qui.

Le differenze culturali

Le differenze tra i vari contesti culturali sono da sempre una delle questioni più importanti all'interno di una relazione commerciale. Vi è, infatti, un'enorme differenza nel modo in cui gli europei e i vietnamiti o i tailandesi considerano una relazione commerciale. Nei paesi del Sud-est asiatico convivono numerose culture, consuetudini e pratiche religiose. È quindi utile, se non addirittura fondamentale, conoscere le culture dei paesi ASEAN prima di avviare una negoziazione commerciale con un partner. Capire chi avete di fronte vi darà maggiori possibilità di successo. I popoli del Sud-est asiatico sono molto riservati, quindi è importante trascorrere del tempo con i vostri potenziali partner locali. Un valido interprete o un collaboratore locale vi aiuterà a non commettere gaffe culturali.